WE LIKE IT HOT

Vanessa Tagliabue Yorke - voce

Paolo Birro - pianoforte

featuring:

Francesco Bearzatti - clarinetto

Mauro Ottolini - Trombone

 

A noi piace il Jazz caldo. Questo duo nasce dall'intenzione di esplorare il linguaggio e i contenuti della musica che nei secondi anni Venti del Novecento risuonava a New York grazie a orchestre come quella di Paul Whiteman, Jean Goldkette e soprattutto grazie a orchestre appositamente riunite per accompagnare Annette Hanshaw. Questa voce, diversa da tutte le altre voci nasali delle flappers che comparivano spesso alla radio, stregò tutta l'america e fu presto soprannominata dai musicisti "The personality Girl", Vanessa e Paolo Birro trasfigurano il repertorio di quest'epoca in un originale viaggio verso la poliritmia della contemporaneità.

CONTRADANZA

Vanessa Tagliabue Yorke - Voce  

Mauro Ottolini - Conchiglie delle Antille e Trombone tenore  

Enrico Terragnoli - Chitarra elettrica, Banjo, Podofono e Tastiere  

Vincenzo Vasi - Basso semiacustico e theremin   

Gaetano Alfonsi - Batteria preparata  

 

Una suite eclettica scritta da Vanessa Tagliabue Yorke, che prende il nome di una particolare forma musicale tipica della musica cubana dell’Ottocento. Le contradanze cubane erano composte per pianoforte, talvolta per pianoforte e voce lirica secondo una logica che un poco le avvicina al nostro repertorio liederistico. Testi originali composti sui temi delle contradanze di Saumell e arrangiamenti concepiti per far emergere la loro grande attualità e la geniale presenza di elementi ritmici di stupefacente modernità sono lo spunto di partenza del lavoro. Tutta la suite è una onirica e romantica performance musicale in cui viene narrata la storia di Bas Jan Ader, artista olandese del novecento scomparso prematuramente in una performance che lui stesso intitolò "In search of the Miraculous".

NOCTURNES

Vanessa Tagliabue Yorke - voce

Paolo Birro- pianoforte

 

Un misterioso incantesimo intreccia la musica di Maurice Ravel, di Erik Satie e di Claude Debussy con la passionalità della voce di Edith Piaf. 

Questi grandi protagonisti della musica francese si abbracciano e danzano al ritmo di sarabanda, di habanera, di bolero e ci permettono di ascoltare le molteplici declinazioni dell'anima di un popolo che ci è vicino ma che forse non conosciamo davvero.

Vanessa Tagliabue e Andrea Bettini lanciano lʼincantesimo raccontando con la

musica questo luogo immaginario, percorrono la strada che costeggia quelle

interferenze creative tra la musica dei grandi compositori francesi del Novecento e

la più toccante canzone popolare della loro terra resa immortale dalla voce di Edith Piaf attraverso canzoni meravigliose, che verranno così reinterpretate e restituite mantenendone intatta la potenza e l'autenticità originaria.